Antichi vigneti del Chianti

Molti produttori stanno restaurando i terrazzamenti che sin dal Settecento caratterizzano la produzione di vino in un paesaggio unico

FONTE: intoscana.it

Lamole è un delizioso borgo a pochi chilometri da Grave in Chianti, nel cuore di una terra da secoli votata alla produzione di vino.
Proprio da qui negli ultimi anni è partito un piccolo movimento di produttori con un obiettivo ben preciso: restaurare i vigneti di Lamole per riportarli a com'erano in passato e restituire così al vino un sapore unico che era andato perduto.

La ricetta è apparentemente semplice: sostituire i filari che solcano in verticale le colline con i terrazzamenti come usavano una volta - prima degli anni Sessanta, quando furono sostituiti dai sistemi di coltivazioni chiamati 'a ritocchino', più maneggevoli per i trattori.

Paolo Socci della Fattoria di Lamole è stato uno dei primi a dare il via a quest'opera di ricostruzione non solo vitivinicola ma anche paesaggistica. Da quest'anno sono in commercio le prime bottiglie del vino prodotto nei nuovi filari, che si chiama "Antico Lamole. San Gioveto Terrazzi".
Le terrazze, tipiche del paesaggio del Chianti sin dal Settecento, evitano anche l'erosione del terreno e - grazie alle pietre di cui sono composti i muraglioni a secco - favorisce una maturazione migliore dell'uva.

Commenti

Post più popolari